L’artista Latifa Echakhch

CategorieArte e Cultura

Accolta come stella nascente dell’arte contemporanea, Latifa Echakhch sfrutta gli stereotipi culturali per renderli protagonisti del suo lavoro.

Con le sue opere – soprattutto le sue installazioni ambientali – invita lo spettatore a riflettere sulla rigidità e le contraddizioni della società. Usando tecniche diverse, Echakhch affronta le questioni sociopolitiche e culturali del mondo moderno attraverso oggetti carichi di significati simbolici: li decontestualizza, collocandoli in uno spazio pieno di possibilità, che incoraggia una lettura attiva da parte degli spettatori.

In questo modo, combina “politica e poesia”, che lei stessa descrive come lo strumento principale del suo lavoro. L’interpretazione delle sue opere è quindi lasciata aperta: ognuno può proiettare su di esse le proprie idee e ricordi.

Latifa Echakhch: formazione e carriera

Nato nel 1974 a El Khnansa, in Marocco, Latifa Echakhch vive e lavora a Martigny, in Svizzera. Ha frequentato l’École supérieure d’Art de Grenoble e si è laureata alla National School of Arts di Cergy-Pontoise e alla Lyon National School of Fine Arts. Nel dicembre 2015 è stata la prima donna curatrice ospite della mostra annuale dei Maestri all’Alta scuola d’arte e design Ginevra.

Nel 2013, ha vinto il Prix Marcel Duchamp, il più alto riconoscimento artistico della Francia, e le sue apparizioni alle biennali più quotate d’Europa, l’hanno consacrata tra le nuove promesse dell’arte contemporanea.

Varie istituzioni hanno presentato mostre personali dei suoi lavori: il Museum Haus Konstruktiv a Zurigo (2015), l’Hammer Museum a Los Angeles (2013) e il Musée d’Art Contemporain a Lione, tra gli altri. Le sue installazioni A chaque stencil une révolution (2007) e Fantôme (Jasmin) (2012) sono state esposte a Palazzo Grassi nella mostra “L’illusione della luce”. La prima grande mostra in Belgio di Latifa Echakhch si aprirà al BPS22 di Charleroi il 1 ° febbraio 2020.

Latifa Echakhch rappresenterà la Svizzera alla 59a Biennale di Venezia nel 2021. Per il suo progetto della Biennale, Echakhch lavorerà con il compositore Alexandre Babel e il curatore Francesco Stocchi per creare un progetto in grado di coinvolgere ritmo e suono.

Latifa Echakhch: le opere

Decostruendo e ripresentando materiali associati al Marocco e alla Francia, Echakhch crea installazioni argute che mettono alla prova le assunzioni culturali. In Untitled (Gunpowder) (2008) ha lanciato il tè come se fosse polvere da sparo contro un muro, facendo contemporaneamente riferimento alla guerra e alla popolarità del tè in Marocco. In Untitled I – V (2010), ha coperto tele con carta carbone, la stessa utilizzata per fare copie di testi rivoluzionari in Francia negli anni ’60 e ’70.

Fortemente critica nei confronti dei meccanismi del potere e dei loro effetti sull’identità degli individui, le sue sculture e installazioni attingono agli oggetti della vita quotidiana e ai simboli culturali che decontestualizza per esplorare le società postcoloniali globalizzate. Il suo lavoro sul mondo contemporaneo, che comprende anche video e fotografia, contiene spesso riferimenti velati ad artisti e opere della storia dell’arte.

Per una delle sue opere più famose, Frames (2001), l’artista ha decostruito un gruppo di tappeti islamici di preghiera in modo che tutto ciò che restava di loro fossero le frange esterne, che vengono presentate come se fossero cornici.

Le sue installazioni e ambientazioni incoraggiano lo spettatore a una fruizione attiva e impegnata, stabilendo un rapporto diretto con l’opera stessa.

Circa l'autore